Categorie

Istanbul - familiare e sconosciuta allo stesso tempo

Se ti trovi a Istanbul per una breve visita, ti diremo come coprire le cose più importanti di questa città. Certo, un breve resoconto informativo non è sufficiente per un viaggiatore curioso, per questo ti consigliamo di rivolgerti a una guida turistica privata che, insieme a te, percorrerà l'intero percorso pianificato con la tua partecipazione tra i vicoli e le grandi piazze di questa antica città.

Fondata dagli antichi greci nel VII secolo aC, Istanbul è l'unica città al mondo situata su due continenti contemporaneamente, è riuscita ad essere la capitale di quattro imperi e ad assorbire lo spirito di tre religioni. Molte attrazioni del periodo greco, romano, bizantino e, ovviamente, ottomano sono state conservate qui, mentre Istanbul è un'enorme città moderna, anche se secondo fonti ufficiali la sua popolazione è di 15 milioni di persone, ma non ufficialmente si tratta di 20 milioni che vivono qui. 

Il territorio di Istanbul supera i 5.000 chilometri quadrati, quindi non sorprende che sia molto facile perdersi in questa città di Bisanzio. Se venite a Istanbul per la prima volta, i posti più convenienti in cui soggiornare ed esplorare i luoghi d'interesse sono la zona di Sultan Ahmed, Beyoglu, e situata sulla costa asiatica di Kadikoy, anche se quest'ultima sembra un po' fuori mano, gli autobus fluviali partono regolarmente dal suo molo per il Ponte di Galata , quindi da lì è facile arrivare in qualsiasi parte del centro storico. Il viaggio in barca dura circa 20 minuti e costa meno di 1 euro, e ognuna di queste zone è facilmente raggiungibile con autobus diretti dal nuovo Aeroporto di Istanbul, il viaggio dura circa 60 minuti.

Qualsiasi guida turistica privata locale ti dirà che il posto migliore per iniziare a esplorare la città è Piazza Sultan Ahmed. È qui che la densità delle attrazioni principali è più alta al centro e puoi aggirare tutte le cose più importanti abbastanza velocemente! 

Quando si viaggia a Istanbul per uno o due giorni, è anche l'ideale scegliere un hotel vicino alla piazza. Stranamente, qui sono relativamente poco costosi. Si ritiene che la sera e la vita notturna nella zona di Sultan Ahmed non siano le più diverse, ma questo non significa che non ci sia niente da fare la sera. Come altrove a Istanbul, ci sono un gran numero di caffè, ristoranti e club di narghilè per tutti i gusti e tutte le tasche. Inoltre, puoi prendere il tram o la metropolitana T1 fino alle vicinanze di piazza Bayazet e trovarti facilmente in tutti i luoghi chiave della città sul lato europeo.

 

Napoleone Bonaparte: "Se la Terra fosse un unico Stato, Istanbul sarebbe la sua capitale"

 

Hagia Sophia

Da non perdere a Istanbul è Hagia Sophia, fu costruita nel 537 d.C. in 5 anni record e si dice che la sua costruzione richiese un budget triennale dell'intero impero bizantino. Nel corso della sua storia e sotto molti governanti, Hagia Sophia è rimasta un luogo di culto per la città e il mondo intero. Per quasi 1000 anni fu il principale tempio patriarcale di Costantinopoli, riuscì a diventare una basilica cattolica e, dopo la sanguinosa presa della città da parte degli ottomani, trascorse quasi 500 anni nello stato stabile della moschea più importante. 

È strano ma interessante che gli ottomani che conquistarono la città non distrussero affreschi e mosaici cristiani sulle sue pareti, ma li ricoprirono semplicemente di intonaco, grazie al quale una parte significativa di essi è stata perfettamente conservata fino ad oggi. Dal 1935, per i successivi 80 anni, Hagia Sophia ha funzionato come un museo storico, le immagini e gli affreschi antichi sono stati ripuliti e tutti potevano ammirarli in qualsiasi momento.

Ciò è continuato solo fino al 2020, quando, con il ritorno del precedente status di moschea a Sofia, le immagini dei santi cristiani sono state nuovamente nascoste ai visitatori…. da tutti. Tuttavia, anche con gli affreschi nascosti, Hagia Sophia continua ad essere la perla principale e più bella della moderna Istanbul e il simbolo dell'età dell'oro di Bisanzio!

La Moschea Blu

Di fronte alla Basilica di Santa Sofia si trova la Moschea del Sultano Ahmed, spesso chiamata Moschea Blu. Si trova letteralmente a trecento metri dalla Basilica di Santa Sofia, quindi è molto comodo guardarli come parte di una visita con una guida turistica locale personale che ti parlerà in dettaglio del significato di tutti gli elementi architettonici e dell'arredamento di questi eccezionali edifici!

La Moschea Blu è considerata la prima per importanza tra tutte le moschee di Istanbul e un eccezionale monumento dell'architettura ottomana. La sua costruzione fu iniziata dal sultano Ahmed I all'inizio del XVII secolo, che cercò di superare in questo modo Santa Sofia e rafforzare la propria autorità, viziata a causa delle sconfitte militari. Secondo l'antica tradizione dei Sultani, il finanziamento della costruzione delle moschee era dovuto al bottino militare, ma poiché le truppe del Sultano non furono fortunate sul campo di battaglia, per completare il santuario dovette andare abbastanza in profondità all'interno del suo proprio tesoro.

La Moschea Blu è una delle poche al mondo ad avere 6 minareti! Dicono che quando il Sultano incaricò l'architetto di costruire una moschea, l'architetto, che all'epoca era già molto vecchio e con problemi di udito, confuse la parola "sei" e "oro" perché in turco queste parole sono molto simili nella pronuncia "Alty" e "Altyn", pensavano che il Sultano volesse 6 minareti per questa moschea ... Il Sultano doveva conciliare lo scandalo scoppiato presto con la Mecca, poiché solo a quel tempo poteva esserci il numero massimo di minareti - 6, così il Sultano turco finanziò anche la costruzione di un ulteriore minareto alla Mecca dal suo scrigno del tesoro.

Il nome "blu" è stato fissato per questa moschea a causa delle decine di migliaia di piastrelle bianche e blu utilizzate nell'interior design. Particolare attenzione merita durante la visita il mihrab, scolpito in un unico pezzo di marmo, dove si trova una pietra nera portata appositamente dalla Mecca.

Costantinopoli Ippodromo

Prossima fermata a Piazza Sultan Ahmet! Esci dalla Moschea Blu ed entri nella lunga e oblunga Piazza Sultan Ahmet. Infatti, tra la Basilica di Santa Sofia e la Moschea Blu, ma un po' di lato, c'è anche Piazza Sultan Ahmet, questa è la sua forma insolita. Questa piazza si trova sul sito dell'ex ippodromo romano. La costruzione dell'ippodromo fu iniziata dall'imperatore romano Settimio Severo nel III secolo d.C. e completata sotto Costantino il Grande. Fin dalla sua costruzione, l'ippodromo è stata una delle strutture principali di Costantinopoli. Nei suoi tempi migliori poteva ospitare fino a 100.000 persone, e oggi non solo la forma della piazza, ma anche numerosi monumenti antichi sono sopravvissuti sul suo territorio fino ad oggi, tra cui l'Obelisco Egizio merita un'attenzione particolare perché ricorda l'antica grandezza dell'enorme arena romana. 

Questa è forse la forma artificiale più antica dell'intero territorio di Istanbul, risale al XVI secolo a.C. In precedenza, questo obelisco ornava il tempio egizio di Amon-Ra a Tebe, ma nel IV secolo, grazie agli sforzi dell'imperatore Teodosio, fu portato a Costantinopoli. L'altezza dell'obelisco è di circa 20 m e circa 7 m in più appartiene al piedistallo, che raffigura scene della vita di Teodosio. È interessante notare che inizialmente l'Obelisco era alto quasi il doppio, ma durante il trasporto si è diviso in due parti quasi uguali e, per questo motivo, solo una di queste parti è stata installata all'Ippodromo di Istanbul.

La Colonna del Serpente

Ed ecco un altro spettacolo interessante sulla piazza - questa è la Colonna del Serpente - questa colonna è nota per il fatto che fu costruita dai Greci dagli scudi di bronzo dei soldati persiani caduti in una delle più grandi battaglie di terra del Greco-Persiane Guerre, che ebbero luogo nel 479 aC alle pendici del monte Kiteron vicino alla cittadina di Platea in Beozia. Per secoli questa Colonna ha adornato uno dei più importanti santuari antichi di Delfi, fino a quando l'imperatore Costantino il Grande ne ordinò di trasportarla nella sua nuova capitale e la installò all'Ippodromo di Costantinopoli. Un tempo la colonna era coronata anche da tre teste di serpente in bronzo, ma una di esse scomparve senza lasciare traccia, la seconda si trova al Museo Archeologico di Istanbul e la terza si trova al British Museum. A proposito, uno degli elementi decorativi dell'ippodromo di Costantinopoli può essere trovato anche a Venezia: la famosa quadriga ha adornato la Cattedrale di San Marco per centinaia di anni ed è stata sostituita relativamente di recente con una replica! Fu eliminato dai crociati guidati dal Doge Enrico Dandolo dopo la cattura di Costantinopoli nel 1204. Si ritiene che questa sia l'opera più bella del famoso scultore antico Lisippo e la sua età sia di oltre 6300 anni.

Nei seguenti articoli continuerai a conoscere Istanbul e le sue attrazioni.

Leggi il nostro precedente articolo Gli Emirati Arabi Uniti sono un paese di contrasti

Leggi il nostro prossimo articolo METEORA - monasteri medievali sotto il cielo (parte I)

Commenti (0)
You
Please, login or register to leave a comment
Email sbagliata
Password errata
Sono un turista
Sono una guida turistica
Per favore, prima scegli chi sei!
Nome errato!
Cognome errato!
Email errata
Password errata!
You have to accept the terms of use!
Sono un turista
Sono una guida turistica
Per favore, prima scegli chi sei!
Email errata
You have to accept the terms of use!
hai perso la tua password? Inserisci la tua e-mail. Riceverai un link per creare una nuova password! (Controllare la casella SPAM nel caso...)
Messaggio di errore qui!
CAPTCHA non valido!
chiudere