Categorie

Bosnia ed Erzegovina - una perla socchiusa dei Balcani

La Bosnia ed Erzegovina è un paese (e l'ex repubblica dell'ex Jugoslavia) situato nell'Europa sud-orientale. Il paese è circondato da terra su tutti i lati, ad eccezione del confine meridionale, dove la popolazione del paese ha libero accesso al mare Adriatico. L'area è di 51.000 km2, il che rende le dimensioni del paese leggermente più grandi, ad esempio, della Danimarca. Circa 4,6 milioni di persone vivono in Bosnia ed Erzegovina. La capitale è Sarajevo con una popolazione di poco meno di 200.000 abitanti.

La Neretva è unica tra i fiumi dell'area delle Alpi Dinariche, in particolare per quanto riguarda i suoi ecosistemi e habitat eclettici, la flora e la fauna e il patrimonio culturale e storico. Una delle risorse biologiche più inestimabili della Bosnia-Erzegovina e della Croazia si trova nell'acqua dolce della Neretva. Il bacino della Neretva possiede la più importante fonte di acqua potabile della regione.

La Bosnia-Erzegovina confina con la Croazia nella parte occidentale del paese, con il Montenegro e la Serbia nella parte orientale del paese. Il paese è diviso in due parti: la Federazione di Bosnia ed Erzegovina, dominata da bosniaci musulmani e croati, e la Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina, dominata dai serbi. Sul nostro sito Web, puoi trovare facilmente una guida turistica privata locale che ti porterà in giro per la zona e ti racconterà tutti i dettagli storici e altri interessanti sui luoghi meravigliosi di questo paese e realizzerà interessanti itinerari che coprono tutti gli angoli unici della natura locale.

Trasporto

Il modo più comune per viaggiare nel paese è su strada. In inverno e in primavera le piccole strade possono essere bloccate dal ghiaccio e dalle frane. La rete stradale varia in termini di qualità, ma le strade sono spesso abbastanza buone nelle principali città e nelle aree circostanti. Fai molta attenzione se guidi di notte o in inverno. Mantenere le strade principali. Se vuoi guidare la tua auto, devi avere una patente di guida internazionale.

La cascata di Kravica è una grande cascata di tufo sul fiume Trebižat, nel cuore carsico dell'Erzegovina. La sua scogliera è di circa 26 metri (81 piedi) e il diametro del lago alla base della cascata è di 240 metri (780 piedi). Kravica è un famoso luogo per nuotare e fare picnic. Il periodo migliore per una visita è tra aprile e maggio, quando la cascata è al suo massimo e l'ambiente circostante è di un verde intenso. Intorno alle cascate di Kravica c'è anche una piccola grotta con stalattiti di carbonato di calcio.

Goditi una meravigliosa vacanza in Bosnia ed Erzegovina, che offre molte belle città ricche di attrazioni culturali e paesaggi naturali unici con montagne, cascate, vigneti e bellissime spiagge sul mare Adriatico nella parte meridionale del paese. In molti luoghi è possibile vedere monumenti ed edifici storici che testimoniano la drammatica storia del paese.

Buna è un fiume della Bosnia ed Erzegovina, affluente di sinistra della Neretva, che vi confluisce circa 15 km a valle di Mostar, nella città di Buna. Ha una lunghezza di 9 km e ha due affluenti: Posrt, che è un affluente non permanente, cioè esiste solo in inverno, e la Bunica, che è un affluente permanente e sfocia nella Buna a nord della Buna. È molto ricca d'acqua: con una portata di 43 m3/s, la sorgente è una delle più forti d'Europa. Il livello dell'acqua più alto è a novembre e il più basso a luglio e agosto. C'è una fabbrica di trote e una fattoria direttamente sotto la sorgente a Blagay. È ricco di trote softmouth e le anguille si trovano anche nel corso inferiore.
Alla fonte stessa, che emerge da una profonda grotta a Blagay, c'è un vecchio tekiya derviscio, menzionato nel 1664 dallo scrittore di viaggi Evliya Chelebia. Prima della sua sorgente, la Buna scorre sottoterra per 19,5 km.

Puoi scegliere tra una varietà di meravigliose case vacanza in Bosnia ed Erzegovina che si adattano alle tue esigenze e dalle quali puoi fare una passeggiata in città o uscire nella natura fuori città. Se sogni una vacanza in una grande città, puoi scegliere di soggiornare nella capitale Sarajevo, che offre molte esperienze entusiasmanti.

E perché non pernottare in una capanna di tronchi in una pineta vergine e godersi la vicinanza della natura e sentirsi parte di essa?

Se vuoi intraprendere un viaggio culturale, puoi, ad esempio, affittare una casa per le vacanze a Mostar, nel sud della Bosnia ed Erzegovina, che è il centro culturale del paese. Se vuoi mangiare in un ristorante, puoi, ad esempio, ordinare il piatto locale Ćevapčići (Ćevapi), che è involtini di agnello e manzo con molte spezie, e ti verranno serviti focaccia, verdure e salsa.

La rakija è una forte bevanda alcolica balcanica (brandy) ottenuta sublimando frutti fermentati. La forza standard è del 40%, ma il brandy fatto in casa può essere piuttosto forte, dal 50 al 60%. La rakija può essere esplorata come una classica bevanda nazionale dei popoli slavi del sud e dei rumeni: è famosa in Bosnia ed Erzegovina, Creta, Moldavia, Romania, Serbia, Macedonia del Nord, Montenegro, Croazia, Bulgaria. Slivovitz a base di prugne è estremamente comune. Altri frutti utilizzati includono mela cotogna, ginepro, gelso, fico, ciliegia, pera, mele, albicocche, pesche e uva. C'è anche la Rakija, in cui si mescolano vari frutti. L'acquavite di uva e prugne viene spesso miscelata dopo la distillazione con altri ingredienti come noci, ciliegie, miele, anice ed erbe aromatiche. La principale differenza rispetto alla normale vodka è la distillazione del prodotto finale in botti di rovere, tipica del brandy (cognac).

Puoi anche provare la bevanda alcolica locale Rakija con un gusto dolce del 40% di alcol. I prezzi per cibo e bevande nei ristoranti e nei caffè sono bassi e le porzioni sono abbastanza grandi da essere riempite. Naturalmente, puoi anche cenare nella tua bella casa per le vacanze e rilassarti dopo una giornata intensa.

Luoghi da visitare in Bosnia ed Erzegovina

Tunnel della Speranza

Il Tunnel della Speranza è un po' lontano dal centro. Questo luogo è stato fondamentale per la sopravvivenza e la vita di molti abitanti della città durante la guerra balcanica perché cibo, medicine, animali, persone, armi e altri beni di prima necessità venivano contrabbandati dentro e fuori la città durante l'assedio di Sarajevo. Oltre a percorrere una piccola parte del tunnel, è possibile ascoltare una presentazione e vedere una mostra. Consigliamo il viaggio a chiunque voglia saperne di più sulla guerra dei Balcani.

Il Tunnel di Sarajevo noto anche come Tunel spasa (Tunnel di soccorso) e Tunnel della speranza, era un sottopassaggio formato nel marzo 1993 durante l'assedio di Sarajevo nel mezzo della guerra in Bosnia. Fu costruito dall'esercito bosniaco per collegare il comune di Sarajevo, completamente isolato dalle forze serbe, con la parte bosniaca dall'altra parte dell'aeroporto di Sarajevo, un'area gestita dalle Nazioni Unite. Il tunnel ha consentito l'ingresso in città di cibo, rifornimenti bellici e aiuti umanitari e la fuga delle persone. Il tunnel è diventato un modo principale per aggirare l'embargo multinazionale sulle armi e fornire armi ai difensori della città.

Ponte di Visegrad (Ponte di Mehmed Paša Sokolović)

Il ponte sulla Drina non è solo un libro Nobel di Ivo Andric ma anche un vero e proprio ponte. Il ponte sulla Drina si trova a Visegrad al confine con la Serbia e quindi è stato a lungo al centro di molte guerre. Il ponte è bellissimo e lo scenario è davvero emozionante! Il viaggio da Sarajevo a Visegrad dura in media 2,5 ore, ma ne vale la pena: il ponte è bellissimo e lo scenario è davvero pittoresco. Il ponte di Visegrad, o ponte Mehmed Pasha, è un ponte di pietra a 11 campate lungo 200 metri che attraversa il fiume Drina nella città bosniaca di Visegrad. È un monumento significativo dell'arte ingegneristica turca medievale. Oltre ai meriti visivi e ingegneristici, il ponte di Visegrad è noto per la sua ricca storia.

Ponte Andrićgrad e Mehmed Paša Sokolović
Andrićgrad è un progetto edilizio fondato a Višegrad, in Bosnia-Erzegovina, dal regista Emir Kusturica. La città è dedicata al romanziere e premio Nobel Ivo Andrić. Il complesso di Andrićgrad, noto anche come Kamengrad (Stonetown) è stato inaugurato ufficialmente il 27 giugno 2014 e si trova a pochi chilometri dal primo villaggio di Kusturica, Drvengrad, in Serbia. Andrićgrad si trova vicino al ponte Mehmed Paša Sokolović, patrimonio mondiale dell'UNESCO, e si estende dal ponte fino all'incrocio del fiume Rzav. Dopo Drvengrad (inglese: Woodentown), questa è la seconda città che Kusturica ha costruito da zero. Andrićgrad diventerà lo sfondo del nuovo film di Kusturica Na Drini ćuprija, tratto dal romanzo Il ponte sulla Drina del premio Nobel per la letteratura Ivo Andrić.

Durante la prima guerra mondiale furono distrutte tre arcate del ponte, durante la seconda guerra mondiale furono danneggiate altre cinque campate. In Croazia, così come in Bosnia-Erzegovina, a partire dallo storico croato Milan Šuflaj e dal suo lavoro degli anni '20, esisteva e si diffondeva fin dall'antichità la tesi che il “confine sulla Drina” fosse un confine di civiltà tra Oriente e Occidente, l'Ortodossia e cattolicesimo.

Vino e Rakija - gusto autentico!

I terreni e il clima dell'Erzegovina sono eccellenti per la produzione di vino. È particolarmente sviluppato nel corso inferiore della Neretva e nella valle di Trebišnica, così come sulle basse colline vicino a Chitkul. Ci sono anche aziende vinicole nella parte settentrionale del paese, nelle vicinanze di Banja Luka. In Erzegovina crescono due varietà autoctone: Blatino e Žilavka, oltre a numerose varietà di vigneti internazionali.

L'omonimo vino è prodotto da uve Blatina. Tipicamente, il vino contiene fino al 15% delle varietà satellite coinvolte nell'impollinazione.

Blatina ha un ricco colore granato scuro. L'aroma è ricco, con note fruttate e di frutti di bosco, e il gusto è denso e armonico. Questo è un vino del sud dal carattere capriccioso. Invecchiato in botti di rovere per un anno o più, Blatina assume una tavolozza di prugne, ciliegie e cioccolato. La gradazione alcolica è di 11-12,5 gradi. Questo vino dovrebbe essere bevuto con attenzione. È facile e piacevole bere Blatina, ma dietro la tenerezza esteriore si celano la forza della pietra dell'Erzegovina e il calore del sole del sud.

Antico calice da vino in legno di ginepro con rilegatura in ottone e odore caratteristico

La Blatina è consigliata per accompagnare piatti di carne, in particolare con carni cotte a fuoco vivo o con selvaggina. Prosciutto di manzo e Kulen, una salsiccia piccante affumicata originaria della Slavonia, si sposano perfettamente come antipasto con Blatina. La Blatina è buona con i formaggi stagionati. La combinazione dei tannini del vino ща Blatina con il formaggio piccante dell'Erzegovina in busta è la migliore. La temperatura del vino al momento del servizio per il consumo dovrebbe essere di 18-20 gradi.

Se improvvisamente hai l'opportunità di provare Blatina non da un bicchiere, ma da una tazza Buсara di legno, assicurati di accettare questa opportunità. La Bucara è fatta di legno di ginepro e conferisce al vino un aroma aspro unico.

Un altro famoso vitigno locale - Žilavka - è coltivato in tutta la pianura dell'Erzegovina: nelle valli Neretva e Trebisnjica, non lontano dalle città di Mostar, Chitluk, Medjugorje, Chaplin, Lubushka, Stolac, Trebinje. Si ritiene che la sua distribuzione provenga dall'area di Brotnjo nelle vicinanze di Chitluk, ed è lì che si sono formate le sue caratteristiche uniche. Žilavka ama molto sole e terreni sassosi poveri. Sarà l'ideale se le giornate calde si alternano a notti fresche, in questo caso la vena acquisisce un bouquet unico e ricco.

La Torre Halebia sulla sponda nord-est del Ponte di Mostar (Stari Most) e la Torre Tara sulla sponda opposta hanno lo status di "guardiani del ponte". Si suppone che il ponte sia un dettaglio illustrativo dell'architettura islamica balcanica e fu ordinato per la costruzione da Solimano il Magnifico nel 1556. Il Mostar Diving Club ha un ufficio in questo edificio. Stari Most diving è un tradizionale concorso annuale di tuffi organizzato ogni anno a metà estate. È tradizione per gli uomini locali saltare dal ponte nel fiume Neretva. Ciò richiede abilità e allenamento ed è un'impresa rischiosa non appena l'acqua nella Neretva è gelida anche durante le estati calde. Dal 1967 una vera e propria gara di tuffi divenne ufficiale e annuale.

Sui dolci pendii di Brotnya, a un'altitudine di circa 300-400 metri sul livello del mare, il microclima è il più appropriato per la cincia. Žilavka tollera facilmente la siccità, ma un eccesso di liquido non le si addice affatto. Durante i periodi estivi piovosi, che fortunatamente raramente si verificano in Erzegovina, si ottengono raccolti abbondanti solo dai vigneti "di pietra", poiché la pietra fornisce un ottimo drenaggio per il terreno.

Žilavka matura alla fine di settembre. I suoi grappoli del peso di 150-200 grammi sono formati da densamente raccolti a rari. Una vite può produrre da uno e mezzo a due chilogrammi di uva, che è sufficiente per produrre un litro di vino. I viticoltori dell'Erzegovina considerano le loro capacità tecniche in questo modo: la quantità di viti è uguale al volume in litri di vino. Gli acini sono rotondi, di grandezza media e il colore va dal verde all'ambrato.

Il vino ottenuto dal vitigno è solitamente cristallino ed è caratterizzato da un colore paglierino chiaro. Invecchiato per qualche tempo, il rivestimento acquisisce un ricco colore giallo solare. Il bouquet è caratterizzato da note di frutta fresca: pesca, mela e agrumi. Un naso sensibile può cogliere sentori di erbe selvatiche e il leggero odore di brezza marina. Il gusto della vena è leggero e fresco, con una delicata acidità. Il vino è eccezionalmente facile da bere. La forza della Žilavka varia da 13 a 14,5 gradi.

I sommelier credono che Žilavka sia un vino di "un anno". Di solito, quando una nuova annata di vino arriva sul mercato, le scorte dell'anno precedente sono già esaurite. Nonostante ciò, alcuni produttori di vino dell'Erzegovina sono famosi per il loro taglio in barrique, invecchiandolo da 6 a 18 mesi in botti di rovere. Il vino acquista un bouquet ricco e una densità invidiabile.

Il formaggio in busta (sir iz mijeha, sir iz mješine) è un prodotto autentico della Bosnia ed Erzegovina.

Tale formaggio veniva prodotto dagli allevatori di bestiame dei campi traci, che si stabilirono in questi territori centinaia di anni fa. La tecnologia è semplice e naturale, il formaggio si conserva a lungo, è ipercalorico e oleoso. Baul è una pelle di pecora - sbucciata, essiccata e affumicata. La pelle del sacchetto di formaggio dovrebbe essere liscia e assomigliare al papiro. La dimensione della borsa è determinata dalle proporzioni della pecora dalla cui pelle è realizzata. Il sacco può contenere da 20 a 60 kg di formaggio. A volte viene utilizzata la pelle di capra, ma questa è estremamente esotica, poiché l'aroma del formaggio colpisce sul posto. L'odore di formaggio della busta è acuto, "selvaggio" e potente: in 60 giorni il formaggio riesce a impregnarsi perfettamente dell'odore della pelle di pecora. Ebbene, poiché la pelle della borsa è affumicata, lo sfondo sarà un leggero aroma di fumo.

Il formaggio viene estratto dal sacchetto sotto forma di fette di diverso volume. Il colore può variare dal giallastro al bianco. Il formaggio può essere facilmente schiacciato con le unghie. Il gusto è incredibilmente salato, seducente, luminoso, ma non troppo potente, come si potrebbe anticipare dall'odore: è smussato dall'alto contenuto di grassi. Il formaggio viene anche aggiunto a una varietà di piatti, che conferisce loro un gusto colorato e piccante. L'aspetto del latte contribuisce alla formazione del colore del formaggio. Se la mucca trascorre del tempo in fattoria, il formaggio sarà bianco e se pascola liberamente nei prati alpini, sarà giallo. In tutti i supermercati dell'Erzegovina, il formaggio in busta viene venduto in porzioni. Al di fuori della Bosnia, il formaggio in busta non è comune, non ci sono ancora abituati.

La Žilavka si sposa bene con piatti di agnello, carne bianca di pollo, pesce d'acqua dolce e di mare e una varietà di frutti di mare. Gli abitanti dell'Erzegovina amano bere la Žilavka accompagnata da un classico spuntino dell'Erzegovina: prosciutto (prosciutto crudo) e formaggio in busta. Žilavka per il consumo viene raffreddato a 12 gradi.

Moschea di Koski Mehmed Pasha

La Moschea di Koski Mehmed Pasha fu costruita proprio sulle rive del fiume principale della Bosnia ed Erzegovina, la Neretva. La costruzione dell'edificio religioso fu completata nel 1618 per ordine di Koski Mehmed Pasha.

La Moschea Koski Mehmed Pasha a Mostar simboleggia un pezzo monumentale, famoso in tutto il mondo e straordinario dell'architettura ottomana in Bosnia-Erzegovina. Mehmed Koskija, il creatore della moschea, era lo storico del gran visir Lala Mehmed Sokolovic. Oltre alla moschea, ha assemblato anche una madrasa. Ha un pavimento con tre cupole e un mimbar e un mihrab di straordinaria fattura. Le armonie della Moschea sono particolarmente eminenti. La posizione della Moschea Koski Mehmed Pasha è assolutamente specifica in quanto si trova sui precipizi del fiume Neretva nel centro della città di Mostar.

Durante la sua presenza qui, trascorsi molti secoli, la moschea fu più volte distrutta durante le operazioni militari nella zona, ma ogni volta la moschea e il minareto eretto vicino ad essa furono sottoposti a lavori di restauro. A seguito di questi processi, la struttura è stata ricostruita in quasi ogni dettaglio. Nel 2006, il minareto e la moschea sono stati riaperti alla visita di residenti e turisti. Nello stesso anno, la moschea con minareto e il Ponte Vecchio sono stati inseriti nel registro dell'UNESCO come Patrimonio dell'Umanità.

Per chi lo desidera, c'è la possibilità di salire sul minareto, da dove si aprono viste mozzafiato sulla città. Inoltre, un posto interessante in questo complesso architettonico è un piccolo cortile esterno, in cui sono disposti gorgoglii di fontane e un piccolo giardino. L'ingresso al complesso è gratuito. Il complesso è aperto dalle 9:00 alle 22:00 tutti i giorni tranne il venerdì.

Raska Gora

Raska Gora è un villaggio vicino alla città di Mostar con una popolazione di 235 persone. La composizione etnica del villaggio è composta da croati, di cui 137 abitanti, e serbi - 98 persone. Il villaggio si trova sulle rive del fiume principale del paese, il Neretva, accanto alla centrale idroelettrica di Salakovac. I dintorni sono estremamente pittoreschi. La collina che scende al bacino artificiale Salakovac, creato dalla diga, è completamente ricoperta di verde. Ci sono molti percorsi per il trekking e la bicicletta in questa zona. Il bacino è famoso per gli appassionati di pesca.

La centrale idroelettrica di Salakovac è stata costruita sul fiume principale del paese, il Neretva, all'uscita della gola a Bijelo Pole, 17 km a monte della città di Mostar. La diga è una grande struttura alta 70 metri con una diga a gravità e tre turbine.

Cascate Kravica

Kravica con le sue cascate si trova a circa un'ora da Mostar ed è un luogo da non perdere quando si è in zona. È davvero bello! L'acqua è perfettamente pulita, fresca e piacevole per nuotare. Puoi nuotare dietro la cascata, strisciare e saltare dalle rocce nel fiume. È possibile parcheggiare proprio all'ingresso e camminare per ca. 100 gradini fino alla cascata in circa 10 minuti.

Blagaj – un santuario in un ambiente splendido

Prova a visitare un tempio islamico alla sorgente del fiume e bevi un sorso dell'acqua sacra del fiume. A 35 km da Mostar si trova Blagaj, una piccola città in cui un antico minareto è nascosto tra le rocce, proprio dove il fiume scorre fuori dalla montagna. Si consiglia di visitare il Monumento Nazionale Islamico in questa città e fare una breve gita in barca alla grotta sotto il tempio.

La sorgente del fiume Buna è la sorgente più grande d'Europa in termini di volume d'acqua

Viaggio nel Medioevo - Počitelj

Počitelj è una città e un villaggio storico in Bosnia ed Erzegovina. Questo è un museo a cielo aperto. L'insediamento si trova sulla riva sinistra del fiume Neretva. La prima testimonianza del Seguace si trova nelle carte dei re Alfonso V e Federico III dal 1443 al 1449. Tuttavia, il villaggio, secondo le ipotesi degli archeologi, sarebbe sorto prima di questi documenti. È impossibile stabilire la data esatta, ma la città fortificata, insieme agli insediamenti che la completano, fu costruita dal re bosniaco Tvrtko I nel XIV secolo.

Architettonicamente, le strutture in pietra di Pocitelj sono un complesso fortificato, qui sono evidenti due fasi di evoluzione: ottomana e medievale. La cittadina fortificata dell'era ottomana di Počitelj è uno dei musei architettonici all'aperto più perfetti per le foto del paese. In cima a un anfiteatro pietroso verticale, è un labirinto di scale che salgono tra capanne fatiscenti con tetti di pietra e cespugli di melograno. La torre dell'orologio di 16 m rimane senza campana, come lo era dal 1916. Si ritiene che sia stata eretta dopo il 1664. È normale per le torri dell'orologio in Erzegovina, che sono apparse sotto l'impatto dell'architettura mediterraneo-dalmata.

Počitelj era considerato un punto di grande importanza strategica. Nel 1470, dopo un breve assedio, la città fu conquistata dagli Ottomani e rimase parte dell'Impero Ottomano fino al 1877. Dopo l'istituzione del dominio austro-ungarico in Bosnia-Erzegovina nel 1877, Počitelj perse la sua importanza posizionale e iniziò a svanire rapidamente insieme a una diminuzione della popolazione. Ma a causa di ciò, l'insieme architettonico urbano originale è stato preservato in modo che la città sia rimasta nella sua forma originale fino ai giorni nostri. L'intera città storica di Počitelj e i suoi dintorni furono sostanzialmente distrutti durante la guerra del 1992-1995 in Bosnia ed Erzegovina. Dopo i bombardamenti, i capolavori cinquecenteschi dell'arte e dell'architettura islamica di Počitelj furono completamente distrutti e la maggior parte della popolazione della città subì discriminazioni etniche.

L'importante moschea Hajji Aliya fu costruita a Počitelj intorno al 1564. Fu ristrutturata nel XVII secolo da Šišman Ibrahim pasha. La moschea a cupola è famosa per la sua acustica unica. La moschea è stata riparata negli anni '70, scarsamente vandalizzata durante la guerra in Bosnia nel 1993 e ricostruita nuovamente nel 2003.

Počitelj rappresenta uno dei complessi architettonici più importanti e meglio conservati all'interno delle mura cittadine della regione. La città può essere paragonata ad alcuni dei famosi siti del patrimonio mondiale come le città antiche di Mostar (Bosnia ed Erzegovina), Ohrid (Macedonia del Nord), Safranbolu (Turchia), Gjirokastra (Albania).

Mostar

La storia ci racconta che Stari Most a Mostar è stato mantenuto con perni d'acciaio e albume d'uovo, e fino ad oggi rimane un design insolito ma unico.

Mostar è il centro culturale della Bosnia-Erzegovina e se affitti una casa per le vacanze in città, ti aspettano molte esperienze culturali entusiasmanti. Il ponte di marmo sul fiume Neretva simboleggia la pacifica convivenza di musulmani e cristiani. Il ponte è stato smantellato durante la guerra civile degli anni '90, restaurato nel 2004, ed è ora nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. Mentre cammini per la città, puoi, tra le altre cose, visitare le chiese, i monasteri, i musei e le moschee di Koski Mehmed Pasha. Puoi anche visitare la casa turca e Bunakilden nella città di Blagaj, vicino a Mostar. Prova a goderti una buona atmosfera nei numerosi caffè di Mostar bevendo caffè e mangiando dolci e ricorda che puoi cenare a buon mercato nei ristoranti.

Sarajevo

Se affitti una casa per le vacanze a Sarajevo, vivrai in una città bella e suggestiva, ricca di attrazioni culturali e storiche, che allo stesso tempo offre splendidi dintorni naturali, come il fiume Miljacka che scorre lungo la città e il bellissimo Dinaric circostante Alpi. Avendo la tua casa vacanza, puoi camminare, fare escursioni o guidare al tuo ritmo e, ad esempio, visitare una delle principali attrazioni: il bazar nel centro storico di Baščaršija.

Artigianato di famosi cacciatori bosniaci locali che realizzano utensili in rame a motivi geometrici

L'altro luogo interessante è il Ponte Latino, dove Francesco Ferdinando fu fucilato prima dell'inizio della prima guerra mondiale. Visita l'Antica Chiesa Ortodossa, il Museo Ebraico, la Moschea Imperiale, la Cattedrale del Sacro Cuore, il Museo Storico di Sarajevo o la Piazza del Mercato con la Fontana della Sibilla.

Ćevapčići (Ćevapi), kajmak e aivar

È meglio fare la fila ai ristoranti con una griglia o salire su biciclette più piccole, che profumano di brace e carne. Perché è qui che viene preparato il cibo che mangiano gli stessi locali. Ad esempio, un piatto come Ćevapčići (Ćevapi); involtini di carne macinata di manzo e agnello conditi con cipolla, aglio, prezzemolo e una miscela di spezie come cumino, peperoncino, menta, finocchio, ecc., a seconda dello chef.

Un modo semplice per preparare Ćevapčići (Ćevapi) a casa:

Ingredienti:

  • 500 grammi di carne di maiale dalla spalla
  • 500 g di coscia di manzo
  • 2 DCL di acqua gassata
  • 3 cucchiai di sale marino grosso
  • 300 g di cipolla
  • 1 cucchiaino di pepe nero fino, se è tanto, riduci la quantità
  • 1 peperone verde arrostito e sbucciato
  • 2 cucchiai di peperoncino tritato grosso

Preparazione:

  1. Macina entrambi i tipi di carne due volte su un tritacarne o chiedi al macellaio di farlo. Se hai "il tuo uomo" dal macellaio, cosa che fanno tutti qui da me, prima chiedigli di smistare e scegliere la carne per il cevapi, e porta le cipolle a passarla attraverso la macchina insieme alla carne, se no, macinarlo a casa e aggiungerlo al composto
  2. Impastare bene la carne macinata con le spezie, le verdure e l'acqua, per mezz'ora almeno, con le mani, come un impasto.
  3. Lascialo in frigorifero tutta la notte, se non hai molto tempo, almeno tre ore.
  4. Con l'aiuto di uno speciale dispositivo per fare Ćevapčići (Ćevapi), o un normale imbuto, o con le mani, modellare Ćevapčići (Ćevapi). Nel nostro paese sono piccoli, come un mignolo.
  5. Arrostiteli sulla griglia fino a quando sfrigolano e bruciano un po'. Può funzionare su una griglia elettrica, ma non è così.
  6. Servili caldi, con cipolle tritate finemente, sale e peperoncino, un'esilarante insalata di formaggio e pepe pestato, con focaccine o focacce. O anche senza pane, su un "bastone".

Se hai sentito parlare di Ćevapčići (Ćevapi) in altri paesi balcanici o in Turchia, non ti sbagli: è la stessa carne alla griglia, ma c'è ancora una versione bosniaca servita in una focaccia o su un grande piatto che di solito condivide il intero tavolo da pranzo.

Per il tuo Ćevapčići (Ćevapi), ottieni verdure grigliate, cipolle, uno yogurt cremoso chiamato kaymak e salsa ajvar a base di aceto di mele, aglio, olio d'oliva, peperoni arrostiti e melanzane.

Rakija fatta in casa

La Rakija è uno spirito locale, di cui la maggior parte delle famiglie preferisce la versione fatta in casa. Può essere acquistato in molti posti, nella maggior parte dei paesi balcanici appunto, e ha una gradazione alcolica di circa il 40 per cento per cominciare. Ma ai ragazzi balcanici piace mescolare più forte.

Viene servito in piccoli bicchieri come il brandy e similmente prodotto bollendo con vari vini, ciliegie o prugne. Si potrebbe pensare che una bevanda leggermente dolce e corposa sia adatta alle ore serali, ma per la gente del posto colazione e Rakija vanno spesso a braccetto, così come le offerte di un bicchiere di Rakija possono cadere in qualsiasi momento della giornata.

Laghi naturali blu e rossi Crveno Jezero a Imotski

La piccola città di Imotski merita davvero una potenziale linea alla barriera di confine perché qui ti imbatterai in due buchi di molti metri nel terreno, che si dice si siano formati a seguito di un'enorme dolina nel terreno. Il cosiddetto "fallimento".

Il Lago Rosso (Crveno jezero) è un lago carsico d'acqua dolce nel sud della Croazia vicino alla città di Imotski, situato in un profondo imbuto carsico formatosi durante la distruzione di una grotta intraroccia. Il lago è chiamato così per il colore rosso-marrone delle sponde verticali circostanti, ricoperte di ossido di ferro.

Una buca è detta “rossa” per via delle pareti rosse che la circondano, alte circa 530 m. A una profondità di 220 m, il buco "blu" non va così in profondità nel terreno, ma il lago in fondo è illuminato dal sole, che rende l'acqua completamente blu.

Modro (Lago Blu, Plavo jezero) è un lago carsico d'acqua dolce nel sud della Croazia vicino alla città di Imotski. Come il vicino Lago Rosso, si trova in una profonda dolina, formatasi, secondo gli speleologi, a seguito del crollo di una gigantesca grotta sotterranea. La profondità massima dal limite della costa in alto è di circa 230 metri. La profondità dell'acqua dipende dalla stagione. In primavera può raggiungere anche i 90 metri, e negli archivi del 1914 si riporta che l'acqua era al livello di 114 metri, allagando la sponda meridionale dell'imbuto. Alla fine dell'estate, il lago può prosciugarsi completamente. Blue Lake è una popolare attrazione turistica e turistica sulle rotte turistiche dei Balcani. Nel 1908 fu tracciato un sentiero escursionistico sulla superficie del lago. Nel 1943, i movimenti sismici provocarono una massiccia frana, provocando un notevole restringimento della profondità del lago.

Se un buco rosso è principalmente una vista dall'alto e direttamente nelle profondità, allora un buco blu è un'oasi in cui puoi scendere attraverso i sentieri. Alla fine dei sentieri c'è un lago in cui si bagnano sia i locali che i passanti.

Ponte dei Principi (ponte latino) sul quale iniziò la prima guerra mondiale quando Francesco Ferdinando fu ucciso a Sarajevo

Poco dopo la costruzione del Ponte Latino nel 1541, fu demolito perché era di legno ed era scomodo. Quindi è stato trasformato in pietra. Dopo 200 anni è stato completamente spazzato via dall'acqua, ma, essendo il ponte più antico di tutta Sarajevo, ha dovuto essere restaurato. Di per sé è la parte centrale della capitale e quindi la prima via di comunicazione attraverso l'acqua, ma ha anche una storia che va oltre i confini bosniaci.

Come molte strutture sopravvissute, il Ponte Latino è ora solo per i pedoni. Ci sono abbastanza altri moderni ponti automobilistici sul fiume Milyacka: funzionali e ampi. Vicino al ponte c'è un eccellente Museo del Ponte Latino, dove i visitatori possono conoscere in dettaglio ciò che accadde quel giorno, che provocò l'inizio della prima guerra mondiale, che cambiò così tanto l'ordine mondiale del nostro pianeta e considera i manufatti recuperati durante la ricostruzione di edifici nelle vicinanze del ponte e in altri siti archeologici di scavo nelle vicinanze.

Il 28 giugno, l'arciduca ungherese-austriaco, appena sopravvissuto a un attentato, attraversò il ponte su un'auto scoperta. Il rivoluzionario diciannovenne Gavrilo Princip si trovava lì. Furono lui e la sua organizzazione della Mano Nera a fallire nel loro tentativo di assassinare il duca al primo tentativo. Ma ora si è scagliato contro, ha sparato e ucciso Franz e sua moglie Sophie.

Di per sé, fu un sanguinoso assassinio del rivoluzionario diciannovenne Gavrilo Princip, ma successivamente raggiunse nuove vette quando l'assassinio divenne il punto di partenza della prima guerra mondiale. Fino al 1993 il ponte si chiamava Ponte del Principato.

Alois Schönn - Al Ponte Latino a Sarajevo.
Friedrich Alois Schönn (1826–1897) è stato un pittore austriaco di storia e genere. Si è specializzato in pittura storica orientale, paesaggi e motivi orientali. Compì numerosi viaggi di studio in Ungheria, Francia, Balcani, Turchia, Egitto, Italia, Galizia, Olanda, Grecia, Siria e Palestina. Nel 1848 fece parte della compagnia dei volontari tirolesi, prese parte ai combattimenti in Ungheria e in Italia, fu arrestato a Komorn, condannato a morte ma rilasciato dalle truppe imperiali.

Valuta

La Bosnia-Erzegovina usa un marco convertibile (KM), 1 KM=0,5 euro ma spesso puoi anche scegliere di pagare in euro. Accettano carte di pagamento internazionali in tutte le principali città e c'è un buon accesso ai bancomat. Alcune banche scambiano anche assegni turistici. Alcuni negozi, ristoranti e caffè non accettano carte di credito.

Pernottamento

Sarajevo ha una vasta selezione di hotel. Dai piccoli posti discutibili a 1 stella a quelli di lusso a 5 stelle. Nelle città più piccole, la scelta è leggermente inferiore. A poco a poco, tuttavia, in tutto il paese apparvero diversi piccoli hotel e motel privati.

Orari di apertura

Le banche sono generalmente aperte dalle 8:00 alle 19:00 nei giorni feriali e sono chiuse nei fine settimana. Orari di apertura del negozio - tutti i giorni lavorativi, dalle 8:00 alle 20:00. Gli uffici postali sono aperti dalle 9:00 alle 17:00 nei giorni feriali.

Sicurezza

Il pericolo più grande è che ci sono ancora mine antiuomo in alcune parti del paese, specialmente nelle parti isolate del paese e nelle aree rurali.

Carré appena cucinato di agnello giovane alla griglia in un ristorante a Mostar, Bosnia-Erzegovina

Cibo e bevande

La cucina bosniaca è una miscela delle molte culture diverse della regione. Le specialità includono:

  • Ćevapčići (Ćevapi) sono piccole salsicce a base di agnello e/o manzo.
  • Burek: una torta con formaggio o carne.
  • Bosanski Lonac è uno stufato di carne cotto a fuoco vivo.
  • Paprika Filovane - peperoni al forno con un misto di carne e riso.
  • Jagnjetina - agnello o agnello arrostito sul fuoco aperto.

In questa zona si producono vini eccezionali (leggi sopra).

Il sito del Ponte Vecchio, con i suoi elementi architettonici pre-ottomani, ottomani orientali, mediterranei ed europei occidentali, è un esempio eccezionale di un insediamento metropolitano multiculturale. Il Ponte Vecchio ricostruito e la Città Vecchia di Mostar rinnovata sono il simbolo della riconciliazione, della collaborazione globale e della convivenza di varie comunità artistiche, etniche e religiose.

La Bosnia ed Erzegovina è un gioiello nei Balcani che merita di essere scoperto. È incredibilmente bello lì. La popolazione è cordiale e ospitale. È facile spostarsi con un'auto a noleggio poiché la maggior parte delle strade sono buone (l'UE paga molto). Il livello dei prezzi è molto basso. Ben arrivato!

 

Leggi il nostro precedente articolo Montenegro - montagna nera e mare blu

Leggi il nostro prossimo articolo Antica Konya e dervisci rotanti in Turchia

 

Commenti (0)
You
Please, login or register to leave a comment
Email sbagliata
Password errata
Sono un turista
Sono una guida turistica
Per favore, prima scegli chi sei!
Nome errato!
Cognome errato!
Email errata
Password errata!
You have to accept the terms of use!
Sono un turista
Sono una guida turistica
Per favore, prima scegli chi sei!
Email errata
You have to accept the terms of use!
hai perso la tua password? Inserisci la tua e-mail. Riceverai un link per creare una nuova password! (Controllare la casella SPAM nel caso...)
Messaggio di errore qui!
CAPTCHA non valido!
chiudere