Categorie

Sintesi delle arti nell'architettura dell'antico Egitto

La storia dell'arte conosce diverse forme di sintesi nell'arte, a volte inaspettate e apparentemente incompatibili. Inoltre, l'architettura, in quanto la più monumentale delle arti a noi note, è costantemente impegnata per la loro unificazione, una sorta di eclettismo sperimentale, per l'unione della sintesi architettonica e artistica, dove la pittura, l'arte della scultura, l'incisione, i mosaici sono svolgendo i propri compiti estetici, approfondisce e completa la creazione architettonica più maestosa nella forma e nel volume.

Solo di recente, nel XIX secolo, è diventato chiaro che gli architetti nell'antichità dipingevano i loro edifici e i loro elementi. Tutti i templi religiosi, tutti gli edifici pubblici dell'antico Egitto erano colorati e sorprendentemente luminosi. Ma nel corso dei secoli la vernice si è bruciata, staccata, lavata e staccata. Le moderne ricostruzioni al computer ti permettono di vedere quanto erano belli questi edifici!

Questa sintesi spaziale e plastica, di regola, coinvolge arti decorative, applicate e da cavalletto, come la pittura, la scultura di statue, ecc. La sintesi organica di diversi tipi di arte in un unico insieme un'opera d'arte o un insieme modifica il materiale e l'ambiente culturale del loro stesso creatore: una persona. La cooperazione tra le arti coinvolte in questa sintesi può essere diversa. Un tipo di arte può dominare completamente, soggiogare gli altri o dare loro ancora più libertà di espressione.

Colonne nella Grande Sala Ipostila nel Tempio di Amon-Ra presso il Complesso del Tempio di Karnak vicino a Tebe (l'odierna Luxor)

Secondo l'opinione generale degli scienziati, uno dei luoghi centrali nello sviluppo della sintesi delle arti appartiene all'antico Egitto, la culla dell'architettura e dell'artigianato moderni e, naturalmente, l'architettura era la forma d'arte dominante qui. Utilizzando i servizi di una guida turistica privata locale in uno qualsiasi degli antichi siti storici dell'Egitto, potrai scoprire molti dettagli più interessanti e nascosti di capolavori architettonici nascosti da occhi pigri casuali, di cui ce ne sono così tanti in questo paese ! È un conoscitore-egittologo che è in grado di mostrarti quelle simbiosi di tecniche creative che sono state utilizzate su questa terra antica che è sopravvissuta ai nostri tempi ma notevolmente deformata nel tempo.

La tomba di Nefertari nella Valle delle Regine in Egitto. Nefertari Merytmut o Mut Nefertari (1300-1250 a.C.) fu la Grande Moglie Reale di Ramses II il Grande, uno dei faraoni più potenti e longevi d’Egitto. Nefertari è una delle regine egiziane più conosciute insieme a Cleopatra, Nefertiti e Hatshepsut. La tomba di Nefertari è decorata con immagini dall’oltretomba. Sono le rappresentazioni del Libro dei Morti. Il Libro dei Morti illustra ciascuna delle difficili tappe e portali che la regina Nefertari ha dovuto superare sulla strada per raggiungere l’Aldilà, superare il giudizio di Osiride e raggiungere così la tanto attesa immortalità. ​Nell’Anticamera troviamo rappresentazioni della stessa Regina Nefertari e di quelle delle divinità che l’hanno accompagnata nel suo viaggio verso l’Aldilà, come: Il dio seduto Khepri, identificato dalla testa di scarabeo - è il dio del sol levante del domani e simboleggia la possibilità di trasformazione di Nefertari, e Iside, che prende la mano di Nefertari, davanti al dio Khepri. Gli affreschi del mausoleo di Nefertari sono riccamente decorati con ogni genere di dettagli in abiti e gioielli, in cui Nefertari, sempre bella e molto sensuale, appare con i suoi lucenti capelli neri e uno sguardo languido, adornato di kohl. Nefertari appare solitamente in un abito di lino bianco semitrasparente e un copricapo di avvoltoio dorato, simbolo della maternità. La raffigurazione dei costumi, dei copricapi e dei gioielli, con tanto dettaglio e meticolosità, indicano lo status privilegiato e l’alta posizione economica della bella regina della XIX dinastia. I nostri occhi non sapevano dove guardare davanti a una tale ricchezza di immagini. Gli affreschi dei dipinti della Tomba di Nefertari arrivavano fino ai soffitti, dettagliati da un firmamento stellato, decorazione esclusiva riservata ai soli re. Nelle camere laterali belle scene di Nefertari davanti a Thot, dio della scrittura, con la testa di Ibis. Dietro la regina Nefertari troviamo inscritto l’intero capitolo 94 del Libro dei Morti.

La sintesi delle arti è una fusione organica di vari tipi di belle arti e arti decorative con l'architettura.

I templi e le antiche immagini degli dei erano spesso dipinti con colori vivaci, ma di solito sbiadivano o addirittura scomparivano completamente a causa di influenze esterne. Nel tempio di Khnum a Esna, i colori sono stati ricoperti di fango e fuliggine per quasi 2000 anni, e questo ha contribuito a preservarli. Più della metà dei soffitti e otto delle 18 colonne sono state ripulite, conservate e documentate da un team di esperti. L'intera gamma di immagini del tempio è unica per ricchezza di figure e stato di conservazione dei colori.

Lo scopo di tale compenetrazione è la creazione di un unico insieme architettonico fondamentale, progettato per una lunga vita in molte generazioni di lavoro architettonico e artistico. Tutti i tipi di belle arti in Egitto possono senza dubbio essere definiti nati dall'architettura.

Dee egiziane

L'architettura come arte principale in Egitto determina in gran parte la natura di altri mestieri: plastica e pittura. Scultura, calligrafia e pittura murale, obbedendo al re delle arti egiziane - l'architettura - formano con essa un insieme unico e organico. Fu su questa terra che nacque la sintesi di diversi tipi di belle arti - architettura, scultura, rilievi colorati, mosaici, dipinti e calligrafia - e divenne uno dei più importanti biglietti da visita degli antichi grandiosi monumenti egiziani.

Otto linee di geroglifici egizi in dettaglio

La migliore conferma di ciò sono i templi in onore di Amon-Ra nell'antica Luxor e Karnak e, naturalmente, il tempio funerario della regina Hatshepsut vicino a Tebe.

Tombe nella valle delle regine e nel complesso di Al-Bahari di Deir

Ecco solo alcuni esempi della sintesi delle arti nell'antico Egitto:

  • Statue di templi rupestri (architettura + scultura)
  • Wall writing (architettura + calligrafia)
  • Colonnati decorati (architettura + pittura)

Il sarcofago di Tutankhamon dalla sua tomba nella Valle dei Re.

La sintesi delle arti in architettura è un'unità organica di arti plastiche come scultura, pittura e architettura, a seguito della quale viene creata un'immagine olistica ideologica e artistica di un edificio separato o di un intero insieme architettonico. Un esempio di tale sintesi delle arti nell'architettura è il Tempio di Luxor - le rovine del tempio centrale di Amon-Ra, sulla destra del maestoso Nilo, nella parte meridionale dell'antica Tebe, all'interno della moderna metropoli di Luxor - in la forma come la rappresentano le moderne ricostruzioni.

Tempio di Karnak - il più grande complesso di templi dell'antico Egitto, il primo santuario statale del Nuovo Regno. L'insieme è costituito da templi dedicati alla triade tebana: il dio supremo Amon-Ra, sua moglie Mut e il figlio Khonsu. Il complesso è stato costruito sul territorio dell'antica Tebe nella moderna Karnak, un piccolo insediamento situato sulla sponda orientale del Nilo, a 2,5 km dalla città di Luxor. L'edificio più grandioso è il tempio di Amon-Ra con i suoi 10 piloni, il più grande dei quali è lungo 113 metri, largo 15 metri e alto 45 metri. L'area totale del tempio è di circa 30 ettari. Oltre ai piloni, la sala a pilastri presenta una vista maestosa. Alla gente comune era permesso entrare solo nel cortile del tempio, e solo gli eletti entravano nella sala ipostila (nella foto): alti funzionari, capi militari, scribi.

I mezzi per utilizzare elementi di arte plastica in architettura sono estremamente diversi: può essere un pannello o un dipinto murale (come accade all'interno della tomba di Tutankhamon nella Valle dei Re). Nel tempio del faraone Seti I ad Abydos, un bassorilievo rupestre diventa un elemento sorprendente dell'insieme architettonico. Una tecnica popolare per creare un effetto sinergico dell'influenza di diversi tipi di arte su un'immagine architettonica olistica era l'uso dell'ornamento da parte degli antichi egizi, in particolare nelle tombe tebane. In epoche successive (compreso il periodo tolemaico) furono utilizzati mosaici con motivi tradizionali che utilizzavano varie piante e fiori come il loto.

Pettorale della tomba di Tutankhamon raffigurante un grande scarabeo alato e le dee Nefti e Iside. Oro, corniola, lapislazzuli, pasta, smalto partizionato. Progettazione architettonica dell'oggetto d'arte del gioiello.

Anche le opere di arte decorativa e applicata, che hanno svolto un ruolo importante nella sintesi spaziale-plastica, sono arrivate ai nostri giorni. Un famoso esempio di tali elementi decorativi e applicati in un insieme architettonico integrale è il sarcofago di Tutankhamon dalla sua tomba nella Valle dei Re. Infine, una potente componente della sintesi delle arti nell'architettura dell'antico Egitto è, ovviamente, la scultura. Possiamo vederlo in particolare in un disegno degli anni Quaranta dell'Ottocento. L'artista scozzese David Roberts (1796 - 1864) ha raffigurato il tempio di Abu Simbel.

Disegno di David Roberts del Grand Colonnade a Luxor (1838). Il pieno colore della percezione è perso.

La scelta, così come la collocazione, delle parti delle arti plastiche in architettura, è subordinata al piano compositivo dell'opera architettonica, e al suo contenuto ideologico; nell'ambiente spaziale creato dall'architettura, gli elementi di sintesi artistica non hanno l'indipendenza che è caratteristica di un'opera d'arte separata nella pittura, nella scultura e nell'arte decorativa e applicata. È proprio quando gli elementi della sintesi artistica sono inseparabili dalla soluzione generale di una struttura architettonica che si parla di sintesi delle arti in architettura.

Capitali egiziane. Litografia con intagli e decorazioni dal colonnato egiziano. Owen Jones, 1856

Un esempio unico della sintesi dell'arte egizia con una componente architettonica dominante è il Tempio di Hathor a Dendera. Nella foto della sua sala ipostila, vediamo rare colonne con rilievi quadridimensionali tridimensionali della testa della dea Hathor, rilievi con un contorno profondo e uno sfondo conservato e bassorilievi classici dove lo sfondo è stato rimosso. Si fa notare l'uso del colore per le composizioni sulle colonne, sulle pareti e sul soffitto. Il Tempio di Hathor è un'eccellente illustrazione della tesi secondo cui tutti i tipi di belle arti possono essere chiamati nati dall'architettura in Egitto.

Horus il Behdetita in caratteri geroglifici
A partire dal Nuovo Regno (1550 – 1069 a. C.) esso divenne un simbolo di protezione che può essere ancora osservato sui soffitti dei templi e sopra i piloni ed altri portali cerimoniali. Immagini del disco solare con ali di falco, identificato esclusivamente con Horus di Behdet, si trovano quasi ovunque in Egitto. Esso richiamava la volta celeste che il sole attraversa nel suo quotidiano tragitto apparente. L’esempio ricco di colori qui mostrato, proviene dal tempio di Ramses III a Medinet Habu. Esso decora il lato inferiore di un massiccio architrave in calcare che sovrasta l’ingresso ad un porticato rialzato tra la Seconda Corte e la Sala Ipostila del tempio.

Inoltre, un esempio unico della combinazione di vari tipi di arte è il tempio Khnum a Esna, che ha conservato un capitello scolpito, fregi di rilievi sulla parete e sul soffitto del tempio e resti di una colorazione multicolore di dipinti .

Tomba di Horemheb nella Valle dei Re a Tebe. Sintesi delle arti della calligrafia (geroglifici) e della pittura con l'architettura.

Va aggiunto che ora quasi non vediamo tutta la bellezza della percezione a colori dei templi non distrutti degli antichi egizi. Sono già giunti fino a noi con volti sfigurati, abbattuti di divinità discutibili, derubati, con dipinti che si sono sbriciolati o hanno perso il loro colore. Un'idea debole della sintesi delle arti può essere data dai bozzetti degli artisti dell'Ottocento. Ad esempio, il Grande Colonnato di Luxor ora sembra in un modo, e poco meno di 200 anni fa, nel 1838, fece un'impressione completamente diversa, come nel disegno corrispondente di David Roberts.

Una scena di un tempio egiziano di fantasia e due statue di Dio Anubis che guarda un Ank

Il Tempio di Hathor a Dendera ora sembra monocromatico e piuttosto sobrio, da qualche parte tra il 1845 e il 1849 David Roberts lo vide in colori multicolori, e nel 1841 lo stesso David Roberts fissò sulle colonne i volti ancora non sfigurati della dea Hathor.

Iscrizioni geroglifiche rosse, arancioni e blu su pietra. La scrittura egizia è conosciuta in tutto il mondo per i suoi geroglifici: motivi misteriosi e ammalianti che adornano le pareti di templi, piramidi e monumenti. Non tutti però sanno come funzionasse questo strano sistema di scrittura e che non fosse l'unica forma di scrittura comune nell'antico Egitto. I geroglifici erano un tipo di scrittura egizia usata per incisioni monumentali, cioè incisioni sui muri e sulle superfici di importanti monumenti ed edifici come le piramidi. La scrittura geroglifica è costituita da segni di diverso tipo, che possono significare:
- singoli suoni (simili a lettere dell'alfabeto) e sillabe;
- parole intere (sotto forma di ideogrammi);
- istruzioni semantiche (su come interpretare un altro segno geroglifico).
La linguistica moderna conosce circa 6900 caratteri egiziani (inclusi singoli caratteri, combinazioni e varianti dello stesso geroglifico). Si tratta, quindi, di un tipo di scrittura molto complesso, poiché può veicolare diversi tipi di valori a seconda delle combinazioni di elementi e del contesto. Pertanto, la scrittura geroglifica non era utilizzata in tutti i contesti della vita pubblica, era compresa e praticata non da tutti, ma solo da persone altamente istruite: i famosi "scribi". Per scrivere testi religiosi e documenti amministrativi e contabili, solitamente su fogli di papiro, gli antichi egizi usavano un diverso tipo di scrittura detta ieratica. Questo è un sistema di scrittura più rapido e semplice, ma molto vicino ai geroglifici. Alcuni studiosi suggeriscono che si tratti di una semplificazione del sistema geroglifico, ma in realtà è stato dimostrato che la scrittura ieratica si è sviluppata parallelamente al geroglifico (piuttosto che come sua derivata).

Inoltre, la sintesi delle arti nell'antico Egitto può essere osservata nell'esempio di arti più specifiche, ad esempio, a Edhu vediamo nel tempio di Horus una complessa combinazione di calligrafia (petroglifi), architettura, scultura rotonda e rilievo.

Gli uomini di Hatshepsut tornano con un tributo da Punt, un dipinto murale nel tempio funerario della regina Hatshepsut a Deir el Bahri

Allo stesso modo, nella tomba di Horemheb nella Valle dei Re a Tebe, vediamo una combinazione di geroglifici con pitture murali colorate, anche questa è una sintesi delle arti - calligrafia e pittura - con l'architettura.

Faraone egiziano Tutankhamen circondato da tipici gioielli egiziani a forma di fiori di giglio

Possiamo vedere un aspetto leggermente diverso della sintesi delle arti se guardiamo alle arti e ai mestieri, in particolare ai gioielli. Abbiamo già osservato soluzioni abbastanza architettoniche nell'arte applicata nell'esempio del sarcofago di Tutankhamon. Il pettorale della principessa Sithatoriunet della XII dinastia del regno del faraone Senusret II è intarsiato con 372 pezzi di pietre semipreziose accuratamente tagliati con la tecnica dello smalto cloisonné. Il design araldico è pieno di simbolismo. Le linee a zig-zag sulla tavola, che sono alla base della decorazione, rappresentano le acque primordiali da cui è sorta la primitiva montagna.

Piloni giganti nella seconda corte di Medinet Habu con antiche immagini ornamentali egiziane tradizionali nella città di Tebe, che fu la capitale dell'antico impero egiziano durante il suo periodo di massimo splendore e una delle leggendarie città antiche. Il soffitto della porta rimane piuttosto colorato. Le pareti sono decorate con storie e geroglifici. La maggior parte della città era situata sulla riva orientale del Nilo. La necropoli, nota anche come la "città dei morti", correva lungo la sponda occidentale e conteneva tombe reali e templi mortuari, oltre alle abitazioni di sacerdoti, soldati, artigiani e operai che dedicavano la loro vita al servizio del faraoni egizi. Nel 1979, l'UNESCO ha classificato la regione di Tebe, che comprende Luxor, la Valle dei Re, la Valle delle Regine e Karnak, come Patrimonio dell'Umanità. Nel VII secolo aC, Tebe divenne la sede dei faraoni nubiani.

Ogni falco, simbolo del dio del sole, abbraccia un geroglifico circolare che significa "circondato", dichiarando così la sovranità della divinità solare sull'universo. Lo stesso geroglifico, allungato a formare un cartiglio, circonda il nome del trono di Silvestro II, Haheper. Il nome reale è fiancheggiato da due geroglifici ankh (che significa "vita"), sospesi da cobra, le cui code sono avvolte attorno ai dischi solari sulle teste dei falchi. Questi serpenti rappresentano Nekhbet e Ujo, le tradizionali dee protettrici del re. Sostenendo il cartiglio reale, il dio inginocchiato Heh stringe due costole di palma, che simboleggiano "milioni di anni". Pertanto, la vita e l'esistenza del re nel tempo sono descritte come parte dell'universo, creato e mantenuto dal dio supremo del sole.

Interno del tempio di Hathor a Dendera. Bassorilievi.

Geometria, simmetria, simbolismo, colori tradizionali, legame con le coordinate spaziali, l'architettura reale di questa decorazione - infatti, vediamo la stessa cosa dell'architettura, quindi queste tecniche possono anche essere chiamate sintesi.

Il sole alato è un simbolo associato alla divinità, alla regalità e al potere nel Vicino Oriente antico. Nell'Antico Egitto, il simbolo è attestato dall'Antico Regno (Sneferu, XXVI secolo aC), affiancato su entrambi i lati da un ureo. Nella prima religione egizia, il simbolo Behedeti rappresentava Horus di Edfu, successivamente identificato con Ra-Harachte. A volte è raffigurato sul collo di Apis, il toro di Ptah. Col passare del tempo (secondo l'interpretazione) tutti gli dei subordinati dell'Egitto furono considerati aspetti del dio del sole, incluso Khepri.

Vediamo un'architettura ancora più grande sul grande pettorale della tomba di Tutankhamon, come se, per non sbagliare del tutto, la parte superiore della decorazione fosse coronata dalla stessa immagine di un disco alato con uraei come sul tempio di Luxor.

La tomba di Tutankhamon è il luogo di sepoltura di Tutankhamon (regnò dal 1334 al 1325 a.C. circa), un faraone della diciottesima dinastia dell'antico Egitto, nella Valle dei Re. La tomba è più piccola e meno ampiamente decorata rispetto ad altre tombe reali egizie del suo tempo, e probabilmente ebbe origine come tomba per un individuo non reale che fu adattata per l'uso di Tutankhamon dopo la sua morte prematura. Come altri faraoni, Tutankhamon fu sepolto con un'ampia varietà di oggetti funerari e beni personali, come bare, mobili, vestiti e gioielli, sebbene nello spazio insolitamente limitato questi beni dovessero essere densamente imballati. I ladri sono entrati nella tomba due volte negli anni immediatamente successivi alla sepoltura, ma la mummia di Tutankhamon e la maggior parte dei corredi funerari sono rimasti intatti. La posizione bassa della tomba, scavata nel fondovalle, ne ha permesso l'occultamento dell'ingresso da detriti depositati dall'alluvione e dalla costruzione della tomba. Pertanto, a differenza di altre tombe della valle, non fu spogliata dei suoi oggetti di valore durante il Terzo Periodo Intermedio (c. 1070 – 664 aC). La camera sepolcrale è dipinta con figure su fondo giallo. La parete est ritrae il corteo funebre di Tutankhamon, un tipo di immagine comune nelle tombe private del Nuovo Regno ma che non si trova in nessun'altra tomba reale. La parete nord mostra Ay che esegue il rituale dell'apertura della bocca sulla mummia di Tutankhamon, legittimandolo così come erede del re, e poi Tutankhamon che saluta la dea Nut e il dio Osiride nell'aldilà. La parete ovest reca un'immagine di dodici babbuini, che è un estratto dalla prima sezione dell'Amduat, un testo funerario che descrive il viaggio del dio del sole Ra attraverso gli inferi.

Il suolo fertile, il clima caldo e la lussuosa natura orientale hanno contribuito alla prosperità dell'antico Egitto. Se ricordiamo gli antichi miti dell'Egitto, sono simbolici, in una forma figurativa e artistica che trasmette l'idea egiziana delle leggi naturali, il significato della bellezza e il significato e il valore della vita stessa.

Dipinto di Aaru nella tomba di Sennedjem a Deir el-Medina, mentre raccoglie i raccolti annuali. Nell'antica mitologia egizia, Aaru è il paradiso celeste dove governa Osiride. È stato descritto come il ka (una parte dell'anima) del delta del Nilo.

Gli egiziani nei loro miti tradizionali esortano l'individuo a unirsi alla natura, ad accettare la riservata e saggia obbedienza ad essa, ad aderire a quest'ordine il più possibile e a non cercare di cambiarne nulla. Pertanto, l'architettura del tempio si combina con il suo arredamento: colonne con capitelli a forma di fiori e boccioli di loto, papiro, foglie di palma, soffitti a forma di stella dipinti, statue nell'atrio, nel cortile e nel santuario, rilievi che decorano le pareti, così come le pareti stesse. La sintesi delle arti aggiunge un'immagine architettonica, rivelandone il contenuto. Le sale ipostile dei templi simboleggiavano boschetti di alberi e colonne ravvicinate simboleggiano palme in crescita.

Ramses I tra Horus e Anubi Fregio del muro egiziano.
Arte murale scultorea originariamente trovata nella camera sepolcrale J, Valle dei Re, Tebe, Egitto

Pertanto, anche l'arte come il design del paesaggio, del giardino e del parco non ha aggirato l'Egitto. E l'arte di creare giardini e parchi, ovviamente, si è anche unita all'architettura, completandola, creando un sintetico effetto sinergico di percezione.

Questo antico giardino egiziano artificiale fa parte di un famoso progetto Hamilton Gardens situato in Nuova Zelanda

I giardini dell'Antico Egitto potevano essere dei seguenti tipi:

  • boschetti sacri, situati sulla riva di un bacino artificiale sul territorio dei complessi templari;
  • giardinaggio di strada;
  • giardini nei palazzi di campagna dei faraoni (antenati dei parchi);
  • giardini presso le dimore della nobiltà.

Disegno murale di un giardino nell'antico Egitto con laghetti, pergolati, un tempio, ponti, alberi da frutto e un vigneto

Su un frammento di murale della tomba di Nebamun, XVIII dinastia, vediamo un paesaggio creato con cura con diversi tipi di alberi, cespugli e una vasca con pesci ornamentali.

Dipinto astronomico del soffitto della sala Tomba di Memnon (fr. La Tombe de la Metempsicose) è la tomba dei faraoni della XX dinastia: Ramses V e Ramses VI. È conosciuta come la prima tomba della Valle dei Re, che contiene tutti i libri morti creati nell'era del Nuovo Regno: il Libro delle Grotte, il Libro della Terra, il Libro della Vacca Celeste, l'Amduat, il Libro di Gates e Litania di Ra.
Si sapeva fin dall'antichità, a giudicare dal fatto che anche in epoca romana gli antichi turisti lasciavano qui i loro graffiti. Dal 1888, i detriti furono ripuliti dalla tomba. La decorazione interna di questa tomba è meno lussuosa (un declino chiaramente visibile in Egitto a quel tempo) rispetto alla decorazione delle tombe dei precedenti faraoni, ma è identica nei dettagli ad altre sepolture di questa dinastia.

Un affresco da una delle pareti della tomba di Rehmir a Luxor raffigura un giardino con una piscina centrale in cui una barca con una statua di Rehmir è trainata da due gruppi di tre, probabilmente come parte di un rito funebre. È anche possibile che la scena si svolga durante la tradizionale annuale Festa delle Belle della Valle, durante la quale i parenti rimuovono dalla tomba la statua di culto del defunto in modo che possa partecipare alle attività all'aperto. Qui vediamo una sintesi di architettura, progettazione del paesaggio e performance teatrale rituale.

I pittori egiziani non cercavano di rappresentare la profondità. Ciò che contava per loro era che riconoscessimo i personaggi o le situazioni che rappresentavano.
L'opera qui riprodotta è un bassorilievo mortuario raffigurante l'aratura dei campi, la mietitura dei raccolti e la trebbiatura del grano. Tutti i personaggi sono rappresentati sullo stesso piano, affiancati, di profilo. Eppure le loro spalle, occhi e mani sono visti di fronte. Le figure sembrano piatte, senza ombra e quindi senza modellatura. Il paesaggio è ridotto a pochi elementi. Non c'è una vera impressione di profondità. La rappresentazione si svolge come un fumetto in registri messi in scena dall'alto verso il basso.

È importante notare che nell'antico Egitto nessuna solenne cerimonia religiosa era completa senza uno spettacolo teatrale, che conferiva alle cerimonie rituali uno speciale carattere spettacolare. L'attrazione per la teatralità tra gli egizi era così forte che i riti associati a un culto religioso si trasformarono in una sorta di rituale teatrale. Gli antichi riti religiosi egiziani erano basati su un design artistico chiaro e premuroso, non inferiore a quello moderno, drammaturgico, come costumi complessi e costosi, scenari sfaccettati e a più livelli, recitazione teatrale (come la riproduzione di episodi della vita degli dei in volti), una varietà di influenze espressive plastiche, visive e audio: danza, musica, canto di inni, recitativo, linguaggio teatrale comprensibile per quel tempo.

Questo pettorale del Medio Regno è stato trovato nella tomba della principessa Sit-Hathor Yunet, figlia del faraone Senusret II, del Medio Regno. Porta il nome "Khakheperre" che era il prenomen o nome reale di questo re egiziano. Senusret II è noto per aver fondato la città di Kahun durante il suo regno. Questo gioiello si trova ora al Metropolitan Museum of Art di New York ed è stato realizzato con intarsi cloisonné su oro di corniola, feldspato, granato, turchese e lapislazzuli.

Ricordiamo ancora una volta che lo scenario era un paesaggio reale, creato appositamente: templi monumentali, una valle, luce naturale del sole, che tramontava dietro le montagne e illuminava il tempio ei partecipanti ad un certo angolo retto. Tutto ciò ha creato un incredibile effetto scenografico di tale monumentalità e il violino principale qui è suonato, ovviamente, dall'architettura inscritta nel maestoso paesaggio.

Un frammento degli affreschi sulla parete della cappella della tomba di Nebamun raffigura ospiti, servitori, musicisti e ballerini a un banchetto funebre.

La monumentalità è stata enfatizzata da tutte le caratteristiche della composizione:

  • la geometria delle forme,
  • maestosa tranquillità di montagne, piramidi e templi;
  • laconicismo, mancanza di decoro nel paesaggio (l'immagine delle piramidi di Cheope e Khafre nel disegno di David Roberts può servire come buon esempio qui); al contrario, colpisce per splendore l'arredamento di templi, piramidi e cortili chiusi di palazzi.

Grandi speos: Continuazione e fine del secondo dipinto da Monuments de l'Égypte et de la Nubie di Jean François Champollion (1790-1832).

Un affresco della tomba di Khonsu, un nobile della XIX dinastia (inizio XIII - inizio XII secolo a.C.), presenta una sintesi di diverse arti: progettazione del paesaggio (canale), architettura (un tempio a noi invisibile), musica e canto performance, scultura, arti e mestieri.

La scala della costruzione monumentale

Tomba di Seti I, il secondo faraone della XIX dinastia dell'Antico Egitto. È la tomba più lunga (137,19 m) e squisita della Valle dei Re. Detta anche Tomba Belzoni, dal nome dello scienziato che l'ha scoperta. In totale, ci sono 6 scale nella tomba (una delle quali è nascosta), diversi corridoi, un pozzo, una falsa camera funeraria, una vera camera funeraria e una serie di altre stanze. Le pareti della tomba sono interamente dipinte con varie scene sul tema dell'aldilà, un livello sbalorditivo della loro esecuzione. Tutti i cancelli, le scale e i passaggi situati in precedenza sono ricoperti di geroglifici e disegni e compongono un quadro, proseguendo dall'ingresso alla sala, lungo di essa e in tutte le stanze successive. Sono dipinte su sottile intonaco giallastro e raffigurano il peregrinare dell'anima attraverso vari punti di Amenti (“nascosto”, cioè l'aldilà), fino a essere portata nei campi “fioriti” di Ialu, nella “casa del sole". Mostrano come il re appare davanti a varie divinità di Amenti, alle quali si avvicina sulla barca del sole.

In questo periodo si sviluppa finalmente l'idea concettuale e la disposizione del santuario a terra (il fiorire di rituali nei templi invece che nelle tombe, il potere dei sacerdoti ha la precedenza sul potere del re): si tratta di un rettangolo allungato nel perimetro , tutti i suoi lati si estendono lungo un asse principale. Un vicolo obbligatorio di guardie - sfingi - diretto al tempio. Questa regola si applicava non solo ai templi mortuari ma anche ai templi santuario. La glorificazione del sovrano faraone, l'elogio della sua grandiosità: questo è ciò che diventa il significato di ogni rituale, e quindi il luogo in cui è stato eseguito questo rituale!

Ricostruzione della statua Senkamanisken, con copricapo kushita - Statua di uno dei quattro "Faraoni neri" (sovrano della XXV dinastia e del regno di Kush), nel Museo del Louvre (ricostruzioni attraverso l'analisi del pigmento del colore)

Dal maestoso Nilo sacro al tempio correva una strada con ai lati statue di guardiani di sfingi. Una caratteristica tipica dell'architettura dei templi di quei tempi erano i colonnati altissimi al centro di un cortile aperto e battuto dal vento, che, per così dire, determinavano il passaggio dal pilone al tempio stesso. Qui è stata realizzata l'idea di restringere lo spazio, e quindi coloro che hanno partecipato ai rituali - molti sono stati chiamati, ma pochi sono stati scelti! Karnak è il principale santuario ufficiale dello stato di Luxor (architetto Amenhotep). L'idea del politeismo non era consentita qui, poiché tutto serviva a cantare un solo dio: Aten.

Colonne ipostile del Tempio di Amon a Karnak, che contengono iscrizioni e disegni, così come in tutto il complesso. Le aree superiori sono dipinte secondo i canoni di altri templi simili, il che suggerisce che anche il resto delle colonne e dei soffitti fossero dipinti a colori vivaci. Sul tetto del tempio, che simboleggiava il paradiso, c'erano spesso immagini di stelle e uccelli, e sulle colonne - immagini di palme, fiori di loto e persone.

I sentimenti umani apparivano come un elemento dell'arte del tempio (urla e gemiti di persone in lutto assoldate, qui la cupa obbedienza dei neri prigionieri e scene liriche della vita privata di Akhenaton - accarezza sua moglie, gioca con un bambino).

Bassorilievo del faraone Seti I dal suo tempio di Abydos.

I luoghi di sepoltura dei re erano separati dai templi, erano scavati nella roccia nelle valli a notevole distanza e consistevano in lunghi corridoi che conducevano alla camera funeraria con un sacro sarcofago decorato con tutti i possibili gioielli e dorature.

In una piccola nicchia a lato della sala del secondo piedistallo, Sarenput siede su un sedile basso e allunga le braccia sul tavolo che è di fronte a lui. Legato con un semplice panno, porta una barba corta. Di fronte al tavolo, dall'altra parte, è meno visibile il figlio del defunto, Anku, che regge un loto aperto, simbolo di rinascita. Tutti i ranghi e le funzioni di Sarenput sono presentati su questo muro. Per scrivere il suo secondo nome, Nub-Kau-Ra Nakht, il Nomarca usa i cartigli dell'ex faraone. Forse questo è un modo per dimostrare il potere che possiede.

Particolare attenzione è stata prestata all'illuminazione dei templi: la luce entrava attraverso i fori nel soffitto, attraverso i cosiddetti pozzi luminosi, e arrivava fino al 1° piano dell'edificio, ma c'era un diverso grado di illuminazione delle sale, che è stato utilizzato come caratteristica enigmatica aggiuntiva durante l'esecuzione di determinati riti.

Immagine di artigiani nell'antico Egitto
Gli artisti dell'antico Egitto raramente ci hanno lasciato i loro nomi. Anche le opere d'arte egiziane sono anonime perché spesso sono collettive. L'arte egizia è nota per la sua caratteristica tradizione di utilizzare figure sia nella scultura che nella pittura. Le figure hanno anche una serie standard di proporzioni che misurano 18 "pugni" dal pavimento all'attaccatura dei capelli sulla fronte. Questo appare già nella tavolozza Narmer della I dinastia, ma questa regola della figura idealizzata non viene utilizzata per rappresentare piccole figure coinvolte in determinate attività, come prigionieri e cadaveri.
Altre tradizioni sono che le statue maschili siano più scure di quelle femminili. L'arte egizia utilizzava proporzioni gerarchiche e la dimensione delle forme mostrava la loro relativa importanza. Gli dei o il divino faraone sono generalmente più grandi di altre figure, mentre le figure di alti funzionari o becchini sono generalmente più piccole e tutti i servi, artisti, animali, alberi e dettagli architettonici sono presentati in scala ridotta.

L'adorazione del luminare stesso non poteva avvenire nelle profondità del santuario. Tempio di Aton - ampi spazi aperti con molti luoghi per i sacrifici e uno grande, sul quale i sacrifici sono compiuti esclusivamente dal re stesso, figlio di un dio, al quale è stata rivelata la vera conoscenza dell'essenza della divinità.

Disegno condizionale di una moderna metropoli cosmopolita: giungla di cemento e vetro!

La sintesi delle arti in Egitto divenne l'antenata di tale simbiosi per le generazioni successive. Mesopotamia, Grecia e Roma continuarono con successo questa tradizione. La moderna Dubai, New York, Parigi e Tokyo, e molte altre megalopoli moderne stanno trasformando e approfondendo la stessa tradizione secolare, dandole un nuovo respiro fresco guardando al futuro! Ci auguriamo che tutto questo serva a migliorare la vita di ogni singola persona sulla terra.

Il tempio funerario della regina Hatshepsut a Deir el Bahri è uno dei trionfi architettonici più impressionanti dell'antico Egitto. Situato in fondo alle scogliere della sponda occidentale del Nilo di fronte a Luxor, il monumento è unico tanto per la sua posizione quanto per il suo design sorprendentemente "moderno".

 

 

Leggi il nostro precedente articolo Destinazioni di safari calde in Africa

Leggi il nostro prossimo articolo GUIDA ALLA PREPARAZIONE DEL SAFARI AFRICANO: COSA PORTARE

Commenti (0)
You
Please, login or register to leave a comment
Email sbagliata
Password errata
Sono un turista
Sono una guida turistica
Per favore, prima scegli chi sei!
Nome errato!
Cognome errato!
Email errata
Password errata!
You have to accept the terms of use!
Sono un turista
Sono una guida turistica
Per favore, prima scegli chi sei!
Email errata
You have to accept the terms of use!
hai perso la tua password? Inserisci la tua e-mail. Riceverai un link per creare una nuova password! (Controllare la casella SPAM nel caso...)
Messaggio di errore qui!
CAPTCHA non valido!
chiudere